Attrezzature da Gelateria

A partire dal giugno 2018 la MP Refrigerazione ha instaurato collaborazione tecnica  con Fiorio storica gelateria di Torino che con i suoi numerosi punti vendita distribuiti in città permette a tutti i torinesi di poter  gustare l’ottimo gelato prodotto con ricette esclusive  della vecchia tradizione sabauda utilizzando solamente prodotti selezionati e del territorio.

La nostra azienda ha preso in carico la gestione degli impianti di climatizzazione e delle attrezzature per la produzione e conservazione del gelato parliamo quindi dei mantecatori, abbattitori e celle frigorifere garantendone quindi la catena del freddo indispensabile per l’ottima conservazione dei prodotti.

Le riparazioni che effettuiamo sui mantecatori in generale sono le più svariate e vanno dalla semplice sostituzione della centralina difettosa o rotta alla sostituzione delle cinghie del motore elettrico che permette il movimento della pala orizzontale o verticale a seconda dei modelli fino al cuore del macchinario che è il gruppo frigorifero vero artefice della trasformazione della miscela latte/ingredienti in gelato allo stato soft

Tra i più classici dei nostri interventi sono le chiamate per problemi legati al lungo tempo con cui il mantecatore raffredda o meglio produce il gelato problema che se si verifica il nostro primo consiglio è quello di spegnere la macchina e chiamare un tecnico specializzato in questo caso se state leggendo questo post non esitate a contattarci noi siamo operativi 24 h.  Il tempo prolungato che il mantecatore impiega per produrre il gelato non è da sottovalutare perché nella maggioranza dei casi è dovuto ad una mancanza di gas refrigerante nel circuito frigorifero imputabile ad una rottura di qualche tubazione e  questa perdita va assolutamente trovata in nessun caso sarebbe consigliabile la sola ricarica di gas. Queste macchine presentano circuiti frigoriferi raffreddati ad acqua in un interscambio termico che avviene all’interno di uno scambiatore di calore è quindi comprensibile come sia necessaria un’accurata ricerca delle perdite onde evitare danni successivi molto più grandi come la rottura del motore per inondazione da acqua.

Un altra raccomandazione a tutti coloro posseggano queste attrezzature è la verifica periodica del pressostato/flussostato dell’acqua di rete utilizzata per il raffreddamento dei motori frigoriferi in quanto un suo mal funzionamento può causare alte temperature nel motore aumentandone non solo il consumo elettrico ma mettendo a serio rischio la funzionalità dello stesso.

Sperando che questo piccolo post possa ritornare utile ricordiamo che la MP Refrigerazione rimane a disposizione per interventi 24 h con staff di tecnici qualificati e preparati per risolvere ogni problematica tecnica che abbiate nei vostri laboratori e aziende.

Stipuliamo contratti di manutenzione ordinaria e straordinaria studiati per ogni singolo cliente.

Distinti saluti MPhttps://www.mp-refrigerazione.it/

Pubblicato in assistenza impianti di refrigerazione, mantecatori, Senza categoria | Contrassegnato | Lascia un commento

Miscele Refrigeranti

Riprendiamo in questo post un discorso già intrapreso qualche tempo addietro quello inerente i gas refrigeranti e le nuove miscele che andranno a sostituire i principali gas impiegati oggi nella refrigerazione e climatizzazione e quindi in particolare modo R134A R404A e R410A. Facendo un piccolo passo indietro ricordiamo che le normative europee ( nel resto del mondo la situazione è ben diversa) impongono un limite delle immissioni di co2 nell’atmosfera questo pone di conseguenza dei limiti nella produzione dei gas refrigeranti attuali rei di avere un GWP molto elevato. Le autorità europee hanno posto dei limiti alla quantità vendibile dei gas refrigeranti a partire gia dal 2018 con gravi conseguenze di approvvigionamento. Il calcolo di questo GWP è complesso e a noi tecnici e utilizzatori finali interessa poco, quello che ci riguarda è come e con che cosa andare a sostituire questi gas. Il mercato sta vivendo un momento di grande fermento ogni giorno compaiono miscele sostitutive con un più basso GWP e questo si traduce non solo in effetti benefici ambientali ma anche in quantità superiori di gas utilizzabile nel circuito del freddo. Purtroppo al lato pratico non è cosi tutto bello e facile e il primo problema che abbiamo riscontrato è la non collaborazione tra i fabbricanti di gas, che a dire il vero sono rimasti in pochi con un vero e proprio quasi monopolio pericolosissimo per il calmiere dei prezzi, e i costruttori di motocompressori e accessoristica per refrigerazione e climatizzazione. All’ultima conferenza sui gas refrigeranti tenutasi nel febbraio 2018 a Torino alla quale un nostro responsabile tecnico ha partecipato è stato evidente il caos che regna e regnerà per molti anni fino a quando non avranno trovato miscele a GWP bassissimi nel frattempo i tecnici dovranno dimenarsi in questa miriade di miscele con vere difficoltà tecniche nel dimensionare i nuovi impianti ma soprattutto nei retrofit. Deve essere chiaro che le miscele che verranno utilizzate oggi non saranno presenti domani questo è doveroso dirlo perché la tendenza sarà quella di avere gas refrigeranti a bassissimo GWP.

Se un basso GWP è un ottima cosa per far si che aumentino le quantità di gas vendibile la mera sostituzione del gas vecchio con quello nuovo in un impianto già esistente per esempio crea una serie di problemi di non sempre facile risoluzione. Questi gas possono avere più o meno rese frigorifere diverse se prendiamo per esempio in considerazione il gas refrigerante R404A utilizzato in prevalenza negli impianti a bassa temperatura i costruttori danno per suo sostituto sia R449A  che R452A la differenza principale tra i due gas refrigeranti sta nel fatto che il primo ha più basso GWP ma una resa termica inferiore del circa 16-18% rispetto al R404A. In primo luogo la resa inferiore porta a consumi elettrici superiori e più tecnicamente crea problemi nella regolazione delle vecchie termostatiche e alta temperature di scarico dal compressore con problemi di sotto-raffreddamento nei condensatori vecchi e non tropicalizzati. Non volendoci perdere in discorsi troppo tecnici che probabilmente in questa fase del mercato oggi sarebbero validi per un gas nuovo ma domani con la comparsa di nuova miscela a più basso GWP sarebbero nulli ci teniamo a ricordare che la ricerca perdite oggi è più che mai importante per non trovarsi con impianti vuoti di gas e con la reale difficoltà in questo periodo di transizione tecnica di dovere effettuare un retrofit non sempre efficace ma soprattutto non duraturo. Affidarsi sempre ad aziende certificate e competenti .

Rimaniamo a disposizione per chiarimenti e sopralluoghi tecnici.

Distinti saluti MP Refrigerazione  http://www.mp-refrigerazione.it

Pubblicato in assistenza celle frigorifere, assistenza impianti di refrigerazione | Contrassegnato | Lascia un commento

Unità Condensatrici

http://www.mp-refrigerazione.itDa diversi anni per impianti di refrigerazione a partire da medie potenze refrigeranti la nostra filosofia è quella di fornire unità condensatrici carenate, composte da componenti Danfoss, che ne garantiscono l’affidabilità. Le caratteristiche principali sono:

Bassa rumorosità – Installazione semplice e veloce – dimensioni compatte e basso consumo energetico.

Queste unità condensanti sono state studiate appositamente per il posizionamento esterno anche in aree residenziali visto il loro basso impatto acustico. Il loro involucro è impermeabile e di facile rimozione durante le fasi di manutenzione rendendole molto apprezzate da noi tecnici frigoristi.

Economicamente un pò più care delle solite unità condensatrici tradizionali garantiscono bassi consumi elettrici oltre ad una bassa rumorosità. In particolar modo i gruppi Danfoss per applicazioni a basse temperature utilizzano i nuovi compressori NTZ i quali forniscono elevate performance energetiche e hanno un COP tra i più elevati. Per quanto riguarda le applicazioni in media temperatura queste unità condensatrici utilizzano compressori a due cilindri ad alta efficienza con COP notevolmente migliorati rispetto alle vecchie unità.

Le unità condensatrici Danfoss serie OPTYMA PLUS sono equipaggiate oltre a tutti gli organi di sicurezza necessari anche di un regolatore di velocità delle ventole cosi da rendere regolato il funzionamento durante basse condizioni di carico ( ore notturne ad esempio ). Tutto questo si traduce come già scritto in bassissima rumorosità e bassi consumi energetici.

Regolatori di Velocità

L’impiego dei regolatori di velocità delle ventole si sta diffondendo sempre di più negli impianti frigoriferi e di condizionamento d’aria, con il vantaggio della riduzione della rumorosità e della stabilità della pressione di condensazione nelle più svariate condizioni ambientali. I regolatori di velocità se non presenti possono essere montati con estrema facilità, dai nostri tecnici, direttamente sulla linea frigorifera. Nel regolatore di velocità è importantissimo il suo surriscaldamento per questo i nostri regolatori sono muniti di radiatore per dissiparne il calore prodotto.

Compressori GEEP

Durante lo studio e dimensionamento di un impianto di refrigerazione o climatizzazione sono molti i fattori da tenere in considerazione e non ultimi la silenziosità e la compattezza delle unità condensatrici.

Danfoss in questi anni ha sviluppato una nuova gamma di compressori ad alta performance la serie GEEP. La nuova gamma GEEP sono adatti a tutti gli impianti di refrigerazione con ampio range di utilizzo partendo dalle piccole applicazioni quindi per esempio 1500 w di resa frigorifera fino a medie potenze come 600w media temperatura. Oltre ai requisiti di bassa rumorosità e basso consumo energetico la Danfoss ci permette di presentare al cliente una vasta gamma di prodotti, accessori e ricambi.

Per ulteriori informazioni non esitate a contattarci al numero di telefono 3395032735

 

Pubblicato in assistenza impianti di refrigerazione, fornitura celle frigorifere, impianti di refrigerazione | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Gas Refrigeranti

Da molti anni le autorità mondiali ed europee in particolare, lottano per controllare i quantitativi di emissione dei gas fluorati nell’ambiente principali imputati dell’effetto serra. I gas refrigeranti fluorati ci interessano molto perché sono presenti in moltissime apparecchiature del nostri vivere quotidiano come i frigoriferi domestici, i climatizzatori, le celle  frigorifere commerciali, le macchine trattamento aria presenti nelle fabbriche o nei centri commerciali giusto per elencarne alcuni esempi.

Vista la  grande diffusione di questi gas fluorati i decreti ministeriali hanno posto un brusco stop alla selvaggia installazione da parte di chichessia imponendo delle regole ferree non solo atte a determinare le caratteristiche professionali degli installatori vedi per esempio nostro post in riferimento a FGAS ma anche dei venditori in particolare ai centri commerciali obbligati a vendere il gas refrigerante per i climatizzatori solo a personale qualificato e ad aziende certificate.

Gli obblighi nei nuovi decreti europei riguardano anche l’usuario dell’impianto sia esso un climatizzatore o gruppo refrigerante e a tale proposito alla nostra azienda MP Refrigerazione preme ricordare che queste apparecchiature possono essere installate solamente da personale qualificato e che è obbligo del proprietario affidarsi solamente a tali aziende.

Al proprietario del climatizzatore, pompa di calore o impianto di refrigerazione deve essere rilasciato libretto d’impianto nel quale vengono annotati gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria con i relativi eventuali rabbocchi di gas.

La continua impennata del costo dei gas refrigeranti dovuto principalmente alla limitazione di produzione di tali gas fluorati rende ancora più importante affidarsi a esperti del settore ad aziende che hanno investito nelle certificazioni e nella specializzazione dei propri tecnici perché solo con la conoscenza si possono limitare i danni e le emissioni nocive e quindi contribuire tutti insieme a limitare nel nostro piccolo il pericoloso effetto serra.

Pubblicato in impianti di climatizzazione, impianti di refrigerazione | Contrassegnato , | Lascia un commento

Azienda Certificata Accredia FGAS

Le normative in materia di inquinamento da gas serra riguardanti il settore freddo in generale in conformità al regolamento ( CE ) n.842/2006 del Consiglio del Parlamento Europeo hanno stabilito i requisiti minimi e le condizioni per il riconoscimento reciproco della certificazione delle imprese e del personale per quanto concerne le apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore contenenti taluni gas fluorati ad effetto serra come da Reg 303/08.

Il Reg 1516/07 stabilisce i requisiti standard di controllo delle perdite per le apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore contenenti taluni gas fluorurati ad effetto serra.

La MP Refrigerazione è azienda certificata anche nel personale e il piano di qualità è riferito alle attività condotte dalla stessa e comprese tra quelle regolamentate dal Reg. CE 303/2008 attività di installazione, manutenzione e riparazione delle apparecchiature fisse di refrigerazione, delle apparecchiature di condizionamento d’aria e pompe di calore contenenti taluni gas fluorurati ad effetto serra.

Il piano di qualità riconosciuto dall’Ente Accredia alla nostra azienda è finalizzato a garantire che nelle attività di installazione, manutenzione e riparazione delle già sopra indicate apparecchiature contenenti gas refrigeranti:

venga sempre impiegato personale certificato – che il personale abbia a disposizione strumentazione e procedure adeguate alle attività svolte.

Le procedure operative necessarie alla gestione delle attività sono allegate ad un piano di qualità redato e compilato in ogni suo essere.

Per ogni fase di lavorazione sia essa installazione  che manutenzione o riparazione esistono procedure da rispettare

Esempio: Operazioni di controllo impianto

Le procedure e le azioni da effettuarsi durante un operazione di controllo di buon funzionamento di un impianto frigorifero sono

  • Avviamento gruppo frigorifero con verifica pressioni di Alta e Bassa e intensità di corrente assorbita
  • Collaudo gruppo frigorifero con verifica dei dispositivi di controllo e di sicurezza e dove possibile simulazione di anomalie
  • Ricerca fughe con metodo diretto con verifica sul alto di alta a compressore acceso e lato di bassa a compressore spento
  • Messa a regime verifica valori di raffreddamento locale o liquido refrigerato se chiller. Verifica valori di surriscaldamento e sottoraffreddamento a raggiungimento della temperatura di funzionamento.

MP di Maurizio Parandero azienda certificata FGAS Accredia n.23415

Pubblicato in assistenza celle frigorifere, assistenza impianti di climatizzazione, assistenza impianti di refrigerazione | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Climatizzazione

Per poter installare climatizzatori o ancora meglio impianti di climatizzazione è necessario che l’azienda o il tecnico installatore siano in possesso dell’FGAS  e della Certificazione Aziendale requisiti fondamentali per poi poter emettere certificato di Conformità dell’Impianto installato.

Normative

La MP è azienda certificata da ente italiano Acredia e i suoi tecnici sono in possesso dell’FGAS come richiesto dal Regolamento CE 8422006/ e sua attuazione con DPR n. 43 del 27 gennaio 2012 necessario per tutti i tecnici frigoristi abilitati ad operare nelle attività di controllo perdite, recupero gas refrigeranti, installazione, manutenzione e riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione e condizionamento d’aria.

Attrezzatura

L’attrezzatura minima necessaria per l’installazione di un climatizzatore sono:

trapano, gruppo manometrico, pompa del vuoto, bilancia elettronica laddove si renza necessario l’aggiunta di gas, bombole del gas, chiavi per serraggio raccordi ( di cui una chiave dinamometrica), tagliatubi, curvatubi, cartellatrice, sistema cercafuche elettronico, tester , bombola di azoto.

Progettazione e dimensionamento

Molto importante è lo studio per la progettazione e il dimensionamento di un impianto di climatizzazione. Nulla va tralasciato in fase di studio. Ad esempio occore controllare la potenza del climatizzatore rispetto all’ambiente da climatizzare; un climatizzatore con una potenza troppo piccola, sottodimensionato rispetto all’ambiente da climatizzare potrebbe danneggiarsi. Nei casi standard per climatizzazione domestica si possono considerare validi 120 btu/metro cubo in raffrescamento e 200 btu/metro cubo in riscaldamento. A questi numeri occorre per correggere il dimensionamento aggiungere dei btu tenendo conto della classe energetica della casa , delle finestre, dell’esposizione del locale da climatizzare, dal numero di persone normalmente presente nel locale, dalla presenza di fonti di calore come luci , etcc.

La MP si occupa non solo dell’installazione e del rilascio del certificato di conformità ma anche dello studio preliminare necessario per una corretta progettazione e un corretto dimensionamento dell’impianto di climatizzazione.  Potete richiedere il sopralluogo di un nostro tecnico installatore il quale raccoglierà tutte le informazioni possibili necessarie per poter effettuare giusto studio. Sarà poi il nostro staff a contattarvi per la consegna del preventivo allegata allo studio eseguito.

Potete contattarci telefonandoci al numero 3395032735 oppure tramite mail ita2004@live.it

Pubblicato in impianti di climatizzazione, Senza categoria | Contrassegnato | Lascia un commento